AssistenzaAzienda
    FORNO A CASSETTI DIDO
    Chiudi
    Chiudi
    FORNO A CASSETTI DIDO

    FORNO A CASSETTI DIDO

    Forno a cassetti per l'asciugatura della stampa
    Cod. MANFORNO
    Forno a cassetti ventilato per l'essiccazione di stampe digitali e serigrafiche realizzate con inchiostri senza solventi o ad acqua.

    Il forno è dotato di 7 cassetti che funzionano in maniera indipendente tra loro. La qualità e le misure ridotte del forno DIDO lo fanno prediligere di gran lunga a qualsiasi altra soluzione per Aziende medie e sensibili al problema dello spazio. I consumi ridotti e ll costo vantaggioso completano un offerta adeguata ad ogni tipo di Clientela.

    Produzione di circa 60 tshirt/ora con stampe di 5/6 minuti cad.



    Principalmente studiato per asciugare la stampa digitale su fondi scuri, si presta bene per tutti i processi di essiccazione che richiedono lunghe permanenze a temperatura controllata e una efficace ventilazione.



    Le dimensioni ridottissime e il basso consumo ne consentono l’ impiego anche in piccole aziende.



    Produzione oraria di circa 60 stampe con tempo di permanenza di 5-6 minuti



    Ottimo per tessuti delicati tipo lana, lycra ecc.



    Caratteristiche:

    Forno a cassetti ventilato per l’ essiccazione di stampe serigrafiche e digitali realizzate con inchiostri senza solventi o all’ acqua.

    Temperatura massima di lavoro 180 C.

    Il riscaldamento dell’ aria è ottenuto tramite resistenze elettriche corazzate.

    La ventilazione avviene in senso orizzontale, in modo da essere uniforme in tutti i cassetti.

    L’ aria in ricircolo viene filtrata per mantenere sempre pulite ventole e condutture e garantire l’efficienza nel tempo.

    Il forno è provvisto di un condotto di scarico fumi ed è predisposto per l’ applicazione di un recupero di calore.

    Ogni cassetto è dotato di una spia luminosa che si accende quando il cassetto viene caricato.

    Trascorso il tempo impostato la luce lampeggia e un avvisatore acustico avverte l’ operatore.



    NOTE

    Nella stampa per tessuti con stampanti (tipo Brother) si utilizzano inchiostri a base acqua fondamentale è l'uso dei forni ventilati per i seguenti motivi:

    -gli inchiostri a base acqua sono un bicomponente: la parte acquosa che si deve asciugare ed evaporare e la parte pigmentosa che determina la tinta colore del cotone. La parte acquosa per evaporare è obbligante asciugarla e i tempi spesso sono legati all'ambiente (quantità d'aria, temperatura atmosferica etc). E' altamente sconsigliato l'uso di una termopressa perché la piastra riscaldata diretta in pressione causa:

    a- l'acqua non evapora se non dai lati perché la piastra in pressione non lascia margine di sfogo se non nei bordi, inoltre il pigmento (colore) va in profondità e con la piastra a caldo si ha un effetto lucido solo inizialmente (che è un aspetto negativo vedere punto b), oltre che perdere di morbidezza (la parte stampata al tatto è piuttosto stopposa).

    b- Il pelo del tessuto maglia viene tinto in superfice ma all'atto della pressione con termopressa il pelo si piega e in questa fase il risultato estetico è bello ma poi al primo lavaggio il pelo si rialza e perde di definizione perché una parte non era tinta.

    Per questi motivi l'uso del forno ventilato offre un valido supporto nell'asciugare il tessuto in soli 3 minuti senza toccare la maglia, l'aria calda fa evaporare la parte acquosa mantenendo il colore più in superfice evidenziando le sfumature e la profondità dell'immagine e dopo il primo lavaggio i colori rimangono comunque brillanti senza scolorare la stampa.

    Il forno statico che presenta dei cassetti chiusi (ognuno viene utilizzato per una maglia) richiede attenzione nel suo posizionamento per evitare che nella chiusura del cassetto la maglia si pieghi al suo interno. La temperatura media è di 160 gradi (comunque variabili per temperatura oltre ad avere un temporizzatore che indica se il ciclo di asciugatura è terminato). Ci sono anche forni dinamici dove c'è il trascinamento su tappetto della maglia (sono però più costosi) e la cosa migliore è avere il doppio tappeto dove l'entrata e l'uscita è dallo stesso lato ottimizzando i tempi di lavoro dell'operatore che non deve spostarsi. Il consumo di spunto del forno è di circa 9 kw con voltaggio 400 trifase, ma a regime il consumo è di 4,5 kw.

    Per tessuti al poliestere stampati è ancora più indicato l'uso del forno perché usare la termopressa oltre ai problemi sopra evidenziati il calore diretto andrebbe a rovinare la maglia stessa.

    PRETRATTAMENTO: Il forno è utilizzato anche per far asciugare le maglie che vengono pretrattate per essere stampate, e questo è importante farlo e avere in tempi rapidi la possibilità di procedere con la stampa.

    Disponibile a breve

    Cerchi maggiori informazioni?

    Contattaci Accedi
    Tensione 400 V + N + PE
    Corrente 13 A
    Temp. max. di lavoro 180 C.
    Dim. Cassetto 700 x 700 x 70 mm.
    Num. Cassetti 7
    Dimensioni Lu x La x H 1068 x 984 x 1425 mm
    Peso 250 Kg

    Privacy e cookie policy Questo sito fa uso di cookie propri per migliorare la tua esperienza di navigazione e di terze parti per inviarti messaggi promozionali in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni e per modificare le impostazioni dei cookie, clicca qui. Se clicchi sul tasto “OK” o se prosegui nella navigazione accetti l’uso dei cookie.